Come aderire


Possono aderire al Fondo Pensione Giornalisti i professionisti con contratto di lavoro dipendente.
Attualmente non possono iscriversi i freelance, mentre possono continuare a contribuire i professionisti che da contrattualizzati diventano freelance. Possono restare iscritti anche i pensionati.
La scelta di aderire al Fpgci, oltre a obbligare l’editore a versare una quota pari all’1% dello stipendio, consente di ottenere una seconda pensione e, da subito, una detassazione annua importante fino a un massimo di 5.164,57 euro di contributi versati. Collaboratori fissi, corrispondenti (art. 12 C), praticanti (art. 35 CCNL), pubblicisti (art. 36 CCNL), professionisti, pubblicisti e praticanti titolari di un rapporto di lavoro subordinato regolato dalla disciplina collettiva di cui alla nota a verbale dell’art. 1 CCNL e, quindi, anche i giornalisti dipendenti da emittenti radiotelevisive di ambito locale, ai quali si applica il contratto AERANTI – CORALLO – FNSI e ai giornalisti ai quali si applica il contratto USPI – FNSI, possono iscriversi al Fondo mediante il solo apporto del tfr e di un eventuale contributo a proprio esclusivo carico, dunque senza il contributo del datore di lavoro.
Il Fondo si crea una sorta di «salvadanaio personale» dell’iscritto nel quale confluiscono i contributi del giornalista, quelli dell’editore e il tfr. I versamenti accantonati vengono poi investiti attraverso tre comparti, corrispondenti a tre diversi profili di rischio, a seconda della scelta effettuata dall’aderente. È possibile suddividere il proprio investimento tra più comparti. Oltre a costruirsi una pensione complementare, è possibile ottenere anticipazioni per acquistare casa, per motivi di salute o anche per piccole emergenze.
Il modulo di adesione deve essere inviato al Fondo e contestualmente all’azienda di dipendenza. Sul sito trovano i moduli necessari per la richiesta di adesione, le informazioni sui documenti e i nostri recapiti.
Chi si iscrive può avere accesso alla propria area riservata (tramite una password), che riporta la situazione contributiva dell’iscritto.